Contratti Bancari: ancora un Successo per il Correntista!

Lo Studio Legale Vassallo a Difesa del Correntista: grazie all’azione di accertamento del credito proposta dinanzi al Tribunale di Benevento, è stato ottenuto un ricalcolo del saldo del correntista che, al momento della domanda giudiziale, si presentava a debito nei confronti della Banca mentre, con il provvedimento sotto indicato, è stato accertato un credito, a favore del correntista, pari ad €.10.869/35.

Interessante, poi, il principio applicato dal Giudice che è riuscito ad andare al di là di alcune lacune probatorie, atteso che il correntista non riusciva a produrre tutti gli estratti conto inerenti al rapporto bancario: “a fronte dell’accertata validità del contratto, la mancata produzione in giudizio degli estratti conto relativi agli anni 2007 e 2008 ed ai trimestri I 2010 e IV 2015 non inficia la validità della rielaborazione del rapporto, atteso che il C.T.U. non ha tenuto conto solo di addebiti illegittimi effettuati nel periodo di continuità temporale degli estratti conto (31/12/2008-12/5/2016) (cfr. elaborato peritale del 22/2/2018, pag. 8). Trattasi, in particolare, degli addebiti effettuati in mancanza di espressa pattuizione scritta a titolo di corrispettivo disponibilità creditizia e di indennità di sconfinamento sino al 30/9/2009, ed a titolo di commissione di istruttoria veloce sino al 31/12/2012, per un totale di €.11.253/30”.

  1. Quanto all’eccezione di prescrizione sollevata dalla Banca, si rileva che “in materia di rapporti bancari, a fronte dell’eccezione di prescrizione del credito a decorrere dalle singole rimesse, sollevata dalla banca avverso la domanda di ripetizione dell’indebito proposta dal correntista, grava su quest’ultimo la prova della natura ripristinatoria e non solutoria delle rimesse indicate, ma il giudice è comunque tenuto a valorizzare la prova della stipula di un contratto di apertura di credito purché ritualmente acquisita, indipendentemente da una specifica allegazione del
  2. correntista, perché la deduzione circa l’esistenza di un impedimento al decorso della prescrizione determinato da una apertura di credito, costituisce un’eccezione in senso lato e non in senso stretto” (Cassazione, Sez. 1, ord. nr. 31927/2019).

Di seguito la sentenza integrale:

Contratti Bancari: ancora un Successo per il Correntista!
Torna su

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy